Articoli blog

kpi cosa sono
Analisi web Visite: 793

KPI: cosa sono e come usarli per monitorare le prestazioni

Benvenuti a questa guida completa sui KPI, strumenti essenziali per monitorare l’andamento delle performance aziendali e guidare il successo nella tua strategia di marketing digitale. In questo articolo, esploreremo il significato e l'importanza dei KPI, come organizzarli nel marketing e come selezionare quelli più adatti al tuo business. Scopriremo il significato ed esempi KPI più comuni e come calcolarli, oltre a capire come visualizzarli in modo chiaro e comprensibile.

Cosa sono i KPI( Key Performance Indicator)? Significato e definizione

cosa sono i kpi

I KPI, acronimo di Key Performance Indicator, rappresentano uno degli strumenti fondamentali utilizzati per verificare le prestazioni di un'azienda e valutarne il raggiungimento degli obiettivi strategici. Sono delle metriche che misurano l'efficacia delle prestazioni in modo oggettivo e concreto. Questa serie di indicatori di prestazione sono progettati per fornire dati affidabili sulla progressione verso gli obiettivi di un azienda e per identificare eventuali lacune o aree di miglioramento. Il loro utilizzo è essenziale per prendere decisioni informate e tenere traccia dei progressi ottenuti nel tempo.

A cosa serve il KPI aziendale

competizione aziendale

I KPI servono da strumenti guida per l'azienda, fornendo un quadro chiaro delle prestazioni e del numero di lead raggiunto. Monitorando i KPI, l'azienda può prendere decisioni strategiche basate su dati concreti, identificare tempestivamente eventuali problemi e apportare le correzioni necessarie per migliorare l'efficienza delle operazioni.

Affinché siano efficaci e utili per l'azienda, devono rispettare quattro requisiti fondamentali:

  • Quantificabilità: Devono essere misurabili in modo chiaro e preciso, consentendo di ottenere dati oggettivi e affidabili. La quantificabilità dei KPI garantisce che le prestazioni  siano valutate in modo oggettivo, evitando interpretazioni soggettive.
  • Praticità: Devono essere allineati con i processi aziendali e fornire informazioni utili e pertinenti. La scelta dei KPI giusti è cruciale per avere una giusta idea del contesto e avere una visione accurata e significativa delle metriche aziendali, consentendo agli stakeholder di prendere decisioni ben informate.
  • Direzionalità: Devono essere in grado di indirizzare l'azienda verso gli obiettivi di miglioramento e crescita. La scelta di KPI rilevanti e significativi è essenziale per identificare le aree di miglioramento e per concentrarsi sulle azioni che portano al successo nel raggiungimento delle prestazioni complessive.
  • Operatività: Devono concentrarsi su risultati concreti e tangibili, consentendo di prendere decisioni informate e di agire tempestivamente. I KPI operativi sono gli indicatori principali per migliorare le prestazioni e ottenere un vantaggio competitivo nel mercato.

Esempi di KPI aziendali nel marketing per valutare le tue strategie

kpi aziendali esempi

Il marketing è una componente fondamentale per il successo di qualsiasi azienda. Per valutare l'efficienza delle iniziative e delle strategie di marketing, è indispensabile utilizzare gli indicatori KPI . Questi sono formulati in termini proporzionali o in percentuali, facilitando confronti nel tempo e con altre variabili (come fluttuazioni di settore, mercato, regione geografica e business unit).  Vediamo alcuni esempi pratici di KPI in marketing comuni che ti aiuteranno a verificare i risultati delle tue campagne e guidarti verso il successo.

Costo di acquisizione del contatto (CAC)

Il CAC e in grado di quantificare il costo sostenuto per acquisire un nuovo cliente o un lead qualificato. Può aiutarti a capire quanto stai investendo per ottenere nuovi contatti e se il rapporto tra costo e risultati è conveniente. Calcolare il CAC è semplice: basta dividere il totale delle spese di marketing per il numero di nuovi clienti acquisiti nello stesso periodo.

Posizioni SEO nei motori di ricerca

Questo indica la posizione dei tuoi contenuti nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Una buona posizionamento dei siti web nei risultati di ricerca è fondamentale per aumentare la visibilità del tuo sito web e attirare traffico organico. Analizzare le posizioni SEO ti permette di capire se la tua strategia di ottimizzazione dei siti web sta dando i risultati attesi.

Impression e reach sui social media

Le impression rappresentano il numero di visualizzazioni dei tuoi contenuti sui social media, mentre il reach indica il numero unico di utenti che hanno visto i tuoi post. Questo indicatore chiave di prestazione può essere considerato uno dei più essenziali nel mondo dei social media, poiché riflette il rendimento delle tue campagne di promozione e la portata del tuo messaggio agli utenti.

Bounce rate

Il bounce rate indica il tasso di abbandono di una pagina o un contenuto senza interagire ulteriormente. Un alta frequenza di rimbalzo può essere sintomo di contenuti poco rilevanti, da problemi strutturali del sito o di una user experience non ottimale. Ridurre il bounce rate è importante per aumentare l'engagement e trattenere gli utenti sul tuo sito web.

Open rate e click-through rate delle email

Questi calcolano il successo delle tue campagne di email marketing. L'open rate indica la percentuale di persone che ha aperto le tue email rispetto al totale di destinatari, mentre il click-through rate rappresenta la percentuale di clic effettuati sui link contenuti nella tua newsletter. Controllare questi KPI ti aiuterà a comprendere l'engagement degli utenti e il valore del tuo messaggio in termini di performance.

Cost per click (CPC) e cost per mille impression (CPM)

Questi sono rilevanti per tenere d'occhio le campagne di advertising digitale. Il CPC valuta il costo medio per ogni clic sul tuo annuncio, mentre il CPM indica il costo per mille visualizzazioni dell'annuncio. Misurare i KPI di questo tipo ti aiuterà a ottimizzare i tuoi budget pubblicitari e a massimizzare il rendimento delle tue campagne.

Customer lifetime value

Il Customer Lifetime Value (CLV o LTV) è un KPI fondamentale utilizzato per valutare il valore economico di un cliente per l'azienda nel corso dell'intero rapporto commerciale. In altre parole, rappresenta l'ammontare di ricavi previsti che un cliente genererà durante il tempo in cui rimarrà cliente dell'azienda. La customer retention, o la capacità di mantenere i clienti ottenuti nel tempo, è strettamente collegato al CLV. Un alto valore di CLV indica che i clienti sono fedeli e continuano a fare affari con l'azienda nel lungo periodo, contribuendo così alla sua crescita e stabilità. 

Differenza tra metriche e KPI: Comprendere il ruolo chiave nella valutazione degli indicatore chiave di prestazione

key performance indicator

Nel mondo del business e del digital marketing, il controllo delle prestazioni e dei risultati è fondamentale per il successo aziendale. Due strumenti predittivi comuni utilizzati per questo scopo sono le metriche e i KPI . Sebbene abbiano elementi in comune, è essenziale comprenderne la differenza e il ruolo distintivo che svolgono nella valutazione delle prestazioni di un business online.

Le metriche devono essere misurate per valutare le prestazioni di specifiche attività e iniziative all'interno dell'azienda. Queste misurazioni devono riguardare aspetti diversi, come il numero di visite al sito web, il tasso di conversione delle vendite o il tempo medio di permanenza degli utenti su una pagina. Per ottenere una visione chiara e sintetica di queste informazioni, le dashboard rappresentano uno strumento essenziale. Una dashboard ben organizzata consente di visualizzare i dati in modo chiaro e intuitivo, consentendo al management di ottenere informazioni rilevanti istantaneamente e prendere decisioni informate per capire quali processi aziendali vanno migliorati e definire un piano strategico.

Le metriche sono importanti poiché consentono di ottenere dati quantitativi sulle varie attività dell'azienda e sui risultati ottenuti. Tuttavia, non tutte le metriche possono essere considerate KPI. Alcune possono essere segnali informativi senza un diretto impatto sui risultati e quindi non rappresentano propriamente un key performance indicators, poiche non sono in grado di portare risultati tangibili e certi.

Al contrario, i KPI sono indicatori chiave di performance, ovvero misure quantificabili e significative che riflettono l'efficacia con cui un'azienda raggiunge i suoi obiettivi. Rappresentano elementi fondamentali per il successo dell'attività commerciale e servono come strumenti guida per prendere decisioni strategiche.

Devono essere selezionati con attenzione, concentrandosi su quelli che hanno una rilevanza determinante per il business. Ad esempio, nel marketing possono riguardare il costo di acquisizione del cliente, la posizione dei contenuti nei motori di ricerca, il rendimento delle campagne pubblicitarie, e così via.

Cosa rende efficace un kpi: Come individuare e calcolare quelli più adeguati al nostro settore

personalizzazione kpi

I KPI vengono utilizzati per valutare le prestazioni aziendali e guidare il successo nella strategia di marketing digitale. Alcune metriche, chiamate "vanity metrics" dai growth hacker, possono risultare fuorvianti o addirittura dannose poiché si concentrano su elementi superficiali e non forniscono informazioni utili per prendere decisioni strategiche. Per riuscire a fare una formulazione dei KPI adeguati, è essenziale definire obiettivi concreti e misurabili, raccogliere i dati pertinenti e confrontarli con gli obiettivi stabiliti. Questi possono riguardare vari aspetti del marketing e del business in generale, come la generazione di lead,il costo di acquisizione dei clienti e le performance del servizio di supporto. È fondamentale scegliere i KPI in modo oculato, focalizzandosi su quelli rilevanti per il proprio settore, evitando di essere ingannati da metriche superficiali e concentrandosi su quelle che realmente hanno un impatto significativo sul successo dell'attività. 

Definire e selezionare i KPI specifici più appropriati per il  business è fondamentale per ottenere una visione chiara e significativa delle prestazioni aziendali.

  • Definire gli obiettivi aziendali e i parametri di misurazione: Prima di definire un KPI, è essenziale definire chiaramente gli obiettivi aziendali. Cosa vuoi raggiungere con la tua strategia di marketing? Potresti voler aumentare le vendite, migliorare la brand awareness, o aumentare il traffico sul sito web. Una volta stabiliti gli obiettivi, identifica i parametri di misurazione chiave per ognuno di essi. Ad esempio, se il tuo obiettivo è aumentare le vendite, potresti considerare il numero di nuovi clienti acquisiti o il valore medio degli ordini.
  • Definire le metriche e i modelli di calcolo: Dopo aver stabilito gli obiettivi e i parametri di misurazione, identifica le metriche specifiche da utilizzare per valutare il raggiungimento di tali obiettivi. Le metriche dovrebbero essere quantificabili e misurabili in modo chiaro. Ad esempio, se desideri valutare le prestazioni delle tue campagne di marketing, potresti considerare il tasso di conversione, il costo per acquisizione del cliente (CAC), o il tasso di churn dei clienti.
  • Aggregare i dati e utilizzare gli strumenti di analisi:A volte, i dati raccolti devono essere aggregati per ottenere una visione completa delle prestazioni di un business. Utilizza strumenti di analisi e monitoraggio per raccogliere e analizzare i dati in modo chiaro e comprensibile. 
  • Stabilire le soglie di risultato e il periodo di riferimento: Per valutare l'efficacia dei KPI consuntivi, è importante stabilire delle soglie di risultato. Queste soglie ti aiuteranno a determinare se la prestazione è stata buona o insufficiente rispetto agli obiettivi. Inoltre, definire un periodo di riferimento è fondamentale per valutarne il rendimento in modo coerente nel tempo e tracciare l'andamento delle prestazioni.
  • Documentare i risultati e prendere decisioni informate:I risultati ottenuti devono essere accuratamente documentati e archiviati. Mantenere un registro dei dati ottenuti in un periodo passato ti permette di confrontare le prestazioni nel tempo e individuare eventuali tendenze o fluttuazioni. Sulla base di queste informazioni, sarai in grado di prendere decisioni informate per migliorare le performance.

Le caratteristiche del buon KPI

Nel contesto aziendale, i KPI possono svolgere un ruolo cruciale nel monitoraggio e nell'ottimizzazione delle strategie di web marketing. Tuttavia, per essere efficaci devono possedere alcune caratteristiche chiave che ne definiscono la qualità e la pertinenza.

Un indicatore KPI efficace ha origine dalla sua definizione precisa e ben delineata. Deve essere chiaramente correlato a un obiettivo rilevante e concreto dell'azienda, come l'aumento del fatturato su base mensile o l'efficienda del processo di customer acquisition. Evitare indicatori generici e concentrarsi su quelli specifici al proprio business è fondamentale per garantire che ogni KPI abbia un reale significato nell'andamento delle attività della nostra impresa.

Per scegliere i giusti KPI aziendali, è essenziale coinvolgere tutti i responsabili di progetto e gli stakeholder. Questa collaborazione permette di identificare le metriche più rilevanti per ogni area dell'azienda, garantendo che riflettano le diverse esigenze e priorità nel contesto che si intende valutare.

I KPI aziendali devono essere correlati direttamente con gli obiettivi della nostra azienda e devono essere in grado di pesare l'avanzamento verso il successo aziendale. Questo implica la definizione di obiettivi SMARTSpecific, Measurable, Attainable, Relevant e Time-bound ) tradotto in italiano con Specifico,Misurabile,Raggiungibile,Rilevante e Puntuale, e l'identificazione di KPI allineati a tali obiettivi. Ogni azienda ha esigenze e obiettivi specifici. Pertanto, i KPI devono essere adattati alle caratteristiche e alle necessità del business. Prendersi il tempo per identificare quelli più adatti al proprio contesto aziendale rende efficace ottenere informazioni più utili e pertinenti. Evitare indicatori generici e concentrarsi su quelli specifici al proprio business è fondamentale per il successo nel loro utilizzo.

Come trovare i KPI del marketing adatti al tuo business

analisi dei dati

Il primo passo per individuare i KPI giusti è una valutazione accurata delle esigenze aziendali e avere bene in mente degli obiettivi chiari. Domandati: quali sono gli aspetti critici del mio business che desidero osservare? Quali obiettivi specifici voglio raggiungere tramite le mie strategie di marketing digitale? Rispondere a queste domande ti aiuterà a definire i KPI aziendali più rilevanti e significativi per il tuo successo.

Sebbene sia allettante osservare una vasta gamma di metriche, concentrarsi su un numero limitato di KPI è spesso più efficace. Ti consiglio di selezionare tra 4 e 10 KPI che siano direttamente correlati agli obiettivi aziendali e pertinenti al settore di competenza. Questo approccio semplifica il monitoraggio e la valutazione delle prestazioni, consentendoti di mantenere il focus sulle metriche davvero cruciali per il tuo business.

Un altro elemento chiave è il confronto tra i dati passati e quelli attuali. Questa analisi ti fornisce una visione a lungo termine delle prestazioni e ti permette di identificare trend e opportunità di miglioramento. Esaminare l'evoluzione dei KPI nel tempo ti aiuta a prendere decisioni informate e a indirizzare l'attività nel verso giusto. Coinvolgere tutti i responsabili e gli stakeholder aziendali è essenziale per selezionare quelli più rilevanti per ciascuna area dell'azienda. Ogni reparto può avere esigenze diverse, e una collaborazione condivisa consente di identificare le metriche più significative per guidare il successo di ogni reparto.

Ricorda che ogni business è unico, e quindi i KPI devono essere personalizzati per le esigenze specifiche della tua azienda. Evita indicatori generici e concentra i tuoi sforzi su quelli che hanno un impatto determinante per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Questa personalizzazione rende i KPI davvero significativi e pertinenti per il tuo business.

Il panorama aziendale è in continua evoluzione, quindi è essenziale mantenere costante l'aggiornamento dei KPI selezionati. Verificare regolarmente le prestazioni e apportare eventuali correzioni o miglioramenti ti aiuterà a mantenere la competitività e a guidare il successo del tuo business.

Conclusioni

I KPI sono fondamentali per seguire da vicino le prestazioni aziendali e ottimizzare il successo nella strategia di marketing digitale. Scegliere i KPI adeguati e calcolarli correttamente consente di prendere decisioni informate e migliorare costantemente le prestazioni dell'azienda. Ricorda di adattare i KPI alle esigenze specifiche del tuo business e di utilizzare strumenti utili per visualizzare i dati in modo chiaro e comprensibile.

Se desideri migliorare l'esperienza del cliente e ottimizzare i tuoi processi aziendali, contattami per una sessione di discovery e una consulenza. Sono qui per aiutarti a raggiungere il successo!

Articoli correlati